banca_generali-10

07 Ott PALLADIUM CON BRUNO E SILVIA MOSNA, PER PIANIFICARE IL FUTURO DEGLI ATLETI

Palladium è particolarmente orgogliosa di presentare una nuova importante partnership.
Palladium e i Financial Planner di Banca Generali, Bruno e Silvia Mosna, ufficializzano infatti l’inizio del loro rapporto di collaborazione che nasce con l’intento di allargare sempre più lo spettro di servizi rivolti agli sportivi di Palladium.
Grazie all’esperienza di Bruno e Silvia e alle capacità del Gruppo Banca Generali sarà possibile offrire all’atleta un servizio di alto livello per quanto riguarda la pianificazione finanziaria delle sue risorse.
Figure come Bruno e Silvia risultano essere di fondamentale importanza per una necessità troppo spesso sottovalutata sia dagli atleti, sia dal mondo sportivo in generale: il post-carriera dello sportivo. Molti sono infatti i casi in cui un atleta, al termine della propria esperienza professionale, si trova impreparato, a causa di una cattiva o assente gestione del patrimonio maturato nel corso della propria carriera.
Lo sportivo professionista di alto livello è infatti solitamente caratterizzato da un medio-alto guadagno concentrato nella parte centrale della sua carriera, al cui termine è chiamato a relazionarsi con l’inizio della vita da non sportivo.
Potersi avvalere di un consulente che si affianchi all’atleta ancora in attività e lo possa consigliare e seguire nella pianificazione delle risorse finanziarie, proponendo di volta in volta gli strumenti e le forme più adeguate a seconda delle esigenze specifiche, permette di affrontare il periodo di attività sportiva ma soprattutto il post-carriera nel migliore dei modi.
Poiché di pianificazioni si parla, questa collaborazione è sicuramente rivolta al futuro dell’azienda e al futuro dei nostri atleti.
Con questo nuovo ingresso fra i partner, Palladium è sicura di essere sulla giusta via per diventare un punto di riferimento sempre più a 360o per i suoi atleti, coprendo infatti ambito medico, gestionale e finanziario, permettendo così all’atleta di concentrarsi solo sui lati sportivi prestazionali della propria disciplina.